· 

8 Consigli per 1 personal brand

 

 

Il marchio è solo una percezione e la percezione corrisponderà alla realtà nel tempo. A volte sarà avanti, altre volte sarà dietro. Ma il marchio è semplicemente un'impressione collettiva che alcuni hanno di un prodotto.

 

Elon Musk

 

Considerando come si stanno sviluppando i Social e Internet e la nostra immagine è sempre più sotto il controllo del “pubblico“, è sicuramente sempre più importante essere online e partecipare attivamente a questo processo. Per questo, diciamo che Internet e in particolare i Social Media possono essere veramente utili per farci conoscere come professionisti e come brand.

Una forte potenzialità del web attuale è il fatto di generare conversazione, confronto, condivisione e, se in passato si insisteva sulla promozione personale e il “costruirsi” un’immagine a tavolino, oggi è più importante, invece puntare sulla comunità che essi contribuiscono a creare.

Si può dire che un Personal Brand non esiste senza la capacità di generare un’influenza e un Brand non esiste senza la forza di aggregare una community.

 

Tre buoni motivi per passare da essere professionista a brand?


1. Per chi svolge una professione in cui la "merce" sono i suoi servizi fare Personal Branding significa puntare finalmente sul proprio asset principale: se stessi!

2. Fare personal branding, da una risposta chiara al cliente che si sta chiedendo "perché dovrebbe acquistare proprio te".

3. Solo l'idea di rendere brand la tua attività, anzi, la tua professionalità, ti fa acquisire più consapevolezza sulla tua visione e del dove vuoi arrivare. Ti sei già fatto queste due domande? Qual'è la tua visione, il tuo scopo? Dove vorresti che ti portasse la tua attività?

Se non ti sei ancora risposto, ti dico che questo è lo step iniziale per l'affermazione della tua identità professionale e qui trovi gli 8 punti da seguire per rendere i tuo personal brand veramente: 

  1. Visione
    Il punto di partenza per affermare il tuo brand è capire lo scopo che guida le tue azioni. Se haio uno scopo finale sei già a buon punto del tuo cammino perché questo guiderà i modi e i tempi delle tue azioni, di darà la direzione da prendere ed ti impedirà di navigare ad occhio.
    Inoltre rendere questo scopo tangibile e realizzabile, lo rende ancora più vicino. Se non sei certo di quello che vuoi, parti da piccoli traguardi da raggiungere a breve termine in modo da delineare la tua strada per gradi. E' molto probabile che la visione a lungo termine prenderà forma grazie anche a questi piccoli passi che farai!  
  2. Costanza
    La costanza vale il gioco intero perché rende ogni attività che ti avvicina allo scopo, sempre più vicina. la costanza è direttamente proporzionale alla velocità con cui realizzerai la tua visibilità e affermazione del tuo brand perché alimenta la fidelizzazione e l'abitudine nel cliente.
    L'unico modo per avere successo, sia nella vita che nel lavoro è proprio questo!
  3. Condivisione
    Non esiste personal brand che regga la sua attività solo sul parlare di se quindi la migliore strategia che potrai utilizzare per farti conoscere è proprio quello di condividere la tua professione con il pubblico. Parlare del tuo lavoro, informare, istruire, sono modi per far capire che ne sai qualcosa quindi chi ti ascolta saprà quali problemi puoi risolvergli! 
  4. Interessante e interattivo
    Oltre ad essere di valore, i contenuti che condividi devono avere anche il potere di ingaggiare, attrarre e far interagire. Sì perché una delle riprove più importanti che stiamo facendo un buon lavoro sono proprio le interazioni. Inoltre, più un contenuto è interessante e più avrà la capacità di attrarre l'attenzione.
  5. Concretezza
    Per rimanere in tema di contenuti e condivisione, perché sia veramente di valore e attraente, rendi il tuo argomento concreto e realizzabile. Il tuo pubblico si innamorerà di ciò che dici quanto più riesce a capire il concetto che vuoi trasmettere e soprattutto se può metterlo in pratica da subito. Pensa ad un articolo o un ebook che risolva un problema nell'immediato oppure un video su youtube che spiega come fare una cosa. Per ogni contenuto che andrai a creare chiediti sempre a cosa potrà essere utile per chi ti ascolta.
  6. Umiltà
    Parli alla gente o parli per la gente?  Se hai scelto la seconda sei già un pezzo avanti perché stai creando la tua community. Lascia stare i monologhi dal piedistallo e preferisci le piazze in cui stai in mezzo alla gente. Ovviamente è una metafora ma il senso è quello di lasciare più spazio all'interazione e alla condivisione e meno all'eloquio a "senso unico". Il fatto di rimanere sullo stesso piano di chi ti ascolta non toglie importanza alla tua professione, anzi ti renderà più "umano" e autorevole.
  7. Polarizzare
    Conferisci chiarezza sulle tue posizioni e crea una caratteristica distintiva che faccia la differenza tra te e i tuoi concorrenti. Non devi aver paura di distinguerti: nel bene e nel male essere chiari è sempre un bene anche se ciò può creare degli oppositori. Ciò che conta veramente, è condividere valore.
  8. Rete
    Quant'è grande la tua Community? E' aumentata di recente? Se la risposta è no, mettiti subito al lavoro.
    I followers, le collaborazioni, il tuo pubblico sono il vero tesoro che amplifica la tua visibilità e sono il metro dell'efficacia del tuo lavoro. Ma ricorda, non è una questione di quantità, bensì di qualità: quanto più riuscirai a fidelizzare il tuo pubblico, quanto più questo sarà in linea e farà da megafono per conto tuo!

Luisa Mariani

Marketing e web design

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Se vuoi approfondire questi argomenti ti consiglio di entrare a far parte del nostro gruppo Facebook Educaction Coaching Club. Il gruppo è dedicato a professionisti del settore educativo e psicologi che vogliono confrontarsi e crescere nel proprio lavoro.

 

Vieni a trovarci nel gruppo: https://www.facebook.com/groups/1564211563755092

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0